LUNARIO - Ogni giorno le fasi della luna, ricerca di onomastici, nomi e santi, proverbi, ricorrenze e festività nel mondo, etimologia di parole desuete, ditelo con i fiori, recensioni e curiosità
Lunedì, 27 Marzo 2017

Ascoltando la tv, politici e giornalisti, mi sono resa conto che esiste una specie di accordo per cui quando si deve parlare del non definito e dell'indefinibile si adottano termini senza nessun significato nella lingua italiana.
Per questo ho deciso di identificare questo concetto con il concetto del "sarchiapone", cioè qualche cosa chenessuno ha mai visto, nessuno conosce, ma di cui tutti dicono di conoscere vizi e virtù.
Cominciamo dal fatto più recente:

Il signor Berlusconi accetta l'election day! (notizia di oggi). Cerco sul dizionario della lingua italiana:

election: nessuna corrispondenza; day: nessuna corrispondenza.

Dunque il signor Berlusconi e e il signor Veltroni hanno trovato accordo su qualche cosa che in linea di massima non esiste, come dire che hanno trovato un accordo sul sarchiapone.

Andiamo alla settimana scorsa: il signor Veltroni dice "we can". Cerco sul dizionario (su diversi dizionari)

we: nessuna corrispondenza; can= "forma italianizzata di khan" (dizionario di italiano on line ),

credo che si tratti del "Gran Khan", ma non capisco cosa centri con la nascita del PD. Dunque cerco di capire: il signor Veltroni ha detto una parola incomprensibile e poi Khan, che voglia forse presentarsi come il nuovo Gran Khan della sinistra?

Passiamo ad una parola che ho sentito proferire al signor Bossi, Devolution trovo una definizione sul dizionario on line De Mauro- Paravia:

Devolution ES ingl (si tratterebbe di un inglesismo) trasferimento di poteri dal governo centrale a un’entità regionale all’interno di uno stato.

Capisco il significato, forse l'intero popolo dei leghisti ha dimestichezza con l'inglese e dato che i leghisti si dicono discendenti dei celti, forse ne hanno già adottato la lingua. Chiedo ad un paio di conoscenti leghisti di spiegarmi cosa significhi "devolution" nella loro lingua celtica, mi dicono che non lo sanno ma che è qualche cosa che ha a che fare con il federalismo. A questo punto chiedo perchè allora non abbiano usato "federalismo" invece di "devolution", mi dicono che non lo sanno. Anche il signor Bossi quindi ha deciso di non farsi capire dai suoi elettori.

Qualche tempo fa mi capitò di sentire un politico (non saprei dire chi) parlare di un "question time" che si sarebbe svolto il giorno dopo. Giusto per capire e tenermi aggiornata corsi a consultare i miei dizionari, cercando

question= nessuna definizione; time = nessuna definizione. Ne dedussi che il giorno dopo si sarebbe svolto qualche cosa di misterioso, forse qualche cosa di massonico e segretissimo.

Ma successivamente nei telegiornali ho sentito parlare più volte di questo "question time" ne ho dedotto che deve essere un concetto astratto che si impara solo frequentando circoli privati e la scuola di giornalismo, o più semplicemente è l'ennesima specie di sarchiapone.

Sempre diverso tempo fa seppi che il signor Maroni era stato nominato ministro del Welfare. Sempre bramosa di conoscenza, e con un punto di amarezza per la mia profonda ignoranza, mi precipitai a consultare i miei dizionari: Welfare: nessuna definizione.

Ne dedussi che signor Maroni era stato nominato ministro di un ministero nuovo, pensai che fosse un qualche cosa legato alla tutela delle tradizioni e delle leggende celtiche, una specie di Ministro del Dragone, dove il dragone è ovviamente una figura emblematica che rappresenta la figura epica su cui una civiltà si fonda.

Ma nuovamente ieri sera a Porta a porta (13/02/2008) sento il signor Veltroni parlare dell'importanza del Welfare (ma allora non si tratta delle leggende celtiche, non mi pare che l'interesse del PD per le leggende celtiche sia tanto profondo).
Di nuovo vado a consultare i miei dizionari (forse mi ero sbagliata nella ricerca della volta prima), ma non trovo niente... Forse il ministero del Welfare è il ministero che sottende alle illusioni e ai sogni degli italiani, in questo caso effettivamente il Welfare potrebbe essere una figura mitologica usata come emblema dell'inesistente.

Il signor Casini, UDC, ha annunciato che si candiderà per la carica di "premier", ma anche il signor Berlusconi e il signor Veltroni si sono candidati per la stessa carica. Cerco sul dizionario:

"premier ES ingl. TS polit., titolo ufficiale del primo ministro inglese | estens., titolo conferito ai primi ministri o ai presidenti del consiglio delle altre nazioni"...

ma se questi signori hanno deciso di candidarsi alla posizione di primo ministro d'Inghilterra, perchè ogni sera fanno campagna elettorale per le elezioni politiche italiane? O forse ho capito male? Forse vogliono candidarsi al titolo di primo ministro in USA? Ma agli americani non serve un primo ministro...

   SEGNALA LA PAGINA       STAMPA   

 
Calendario
Mese per mese
Lunaria
Rubriche


Italia
spazio
Realizzazione, Progetto grafico, Testi © Lunario.com 1998 - 2008 tutti i diritti riservati