LUNARIO - Ogni giorno le fasi della luna, ricerca di onomastici, nomi e santi, proverbi, ricorrenze e festività nel mondo, etimologia di parole desuete, ditelo con i fiori, recensioni e curiosità
Mercoledì, 19 Giugno 2019

Un single che lascia la sua mamma si trova subito davanti ad un problema che ha pochi eguali nel campo dell'esistenza: organizzare i lavaggi in lavatrice!

Per usare correttamente la lavatrice bisogna tener presente alcuni punti:

- all'interno dei vestiti c'è sempre (o quasi) una targhetta che indica le modalità di lavaggio: se nella targhetta c'è un mastelletto con dell'acqua e una manina significa che quel capo va lavato a mano, se c'è un mastelletto con una grossa X sopra, significa che dovete portarlo in lavanderia, se c'è un mastelletto con un numero (che può essere 30 - 40 - 60 - 90) significa che potete lavare il capo in lavatrice a temperatura che non superi quella indicata.

Solitamente la biancheria intima è lavabile in lavatrice.

E' difficile organizzare le "macchinate", che devono essere il più possibile omogenee.

Dividete i carichi in questo modo:
la biancheria intima non colorata (o con colori chiari) può essere lavata insieme alle magliette, alle canottiere, al "cotone" chiaro in genere, ma caricate prima la lavatrice solo con calze e slip, eseguite il prelavaggio e alla fine aggiungete le magliette e il resto. Il detersivo può essere messo all'inizio: un bicchiere nella vaschetta del prelavaggio e un bicchiere e mezzo in quella del lavaggio. Se usate detersivo liquido (più efficace ma anche più inquinante)  mettete mezzo bicchiere nella vaschetta e avviate il prelavaggio, poi aggiungete gli altri capi e un altro bicchiere scarso di detersivo (per bicchiere intendo l'apposito dosatore).

Potete lavare la biancheria intima scura con le magliette di cotone non troppo scure, con le camicie se non sono troppo sporche (versate del detersivo liquido sui colletti prima di lavarle), usate lo stesso metodo di prima: slip e calze nel prelavaggio e tutto il resto dopo. Per fare questo basta una temperatura di 35 gradi.

Cercate di lavare sempre insieme i capi in jeans: sono resistenti, lasciano il colore, quindi evitate di lavarli con capi di colore chiaro, lavateli a temperature non più alte di 60 gradi (raramente serve spingersi fino ai 70). In linea di massima non usate la lavatrice ad una temperatura superiore ai 70 gradi (e anche questa temperatura solo in casi eccezionali): usando temperature più alte non farete che cuocere i vestiti, buttando via energia inutilmente e accorciando la vita dei vostri abiti.  Cercate di raggiungere sempre il pieno carico (di solito 5 chili), ma non arrivate mai a stipare forzatamente il carico o alla fine del lavaggio avrete la roba sporca quasi come prima.

Usate sempre una dose di detersivo un po' inferiore a quella consigliata sul fustino o sulla bottiglia, se l'acqua è troppo dura (cioè contiene molto calcare) aggiungete del bicarbonato nella vaschetta del detersivo (un paio di cucchiai), se non è proprio necessario non usate il prelavaggio.

Le lenzuola si possono lavare con gli asciugamani: sia le lenzuola che gli asciugamani con tinte forti lasciano un po' di colore, cercate di non mischiare roba troppo chiara con roba troppo scura o colorata, in genere non serve il prelavaggio (salvo che non facciate il meccanico, il carbonaio o un lavoro simile). Potete lavare a 60 gradi.

Per lavare le tende, soprattutto se siete fumatori, usate un detersivo apposito che toglie il giallo e le rinnova: di solito sono prodotti che funzionano, ma non abusatene.
Per lavare i capi in lana usate sapone e olio di gomito: in lavatrice fanno sempre una brutta fine, l'alternativa è la lavanderia.


La lavatrice

Per scegliere una lavatrice tenete presente che la carica dall'alto è estremamente comoda al momento del caricamento, è comoda anche nel caso in cui vogliate aggiungere dei capi a lavaggio già iniziato (quelle con la carica davanti non possono essere aperte dopo aver caricato l'acqua), non ha il problema del periodico cambio della guarnizione dell'oblò, ma non ha il piano superiore sfruttabile come piano d'appoggio, è anche più costosa (secondo me è preferibile la carica dall'alto, ma è un parere personale).

Pulite il filtro molto spesso. Se la vostra lavatrice ha a pompa che pulisce il filtro automaticamente, pulitelo ugualmente ogni due mesi, come da istruzioni del costruttore: il filtro sporco non permette un buon risciacquo.

Cercate di evitare detersivi che contengano enzimi, spesso restano anche dopo il risciacquo sugli abiti e provocano irritazione o funghi, alla pelle. Evitate detersivi eccessivamente profumati. Al posto dell'ammorbidente usate aceto bianco, mettetelo nell'apposita vaschetta dell'ammorbidente all'inizio del lavaggio.

Se dovete usare la candeggina seguite attentamente le istruzioni sulla bottiglia e tenete presente che se usate la candeggina vale davvero la pena di spendere un po' di più per un buon prodotto: comprate la migliore....

E infine la centrifuga: ci sono lavatrici che hanno centrifughe che superano i mille giri, potendo scegliere, non usatela mai con questa potenza, o in poco tempo masticherà i vostri vestiti come pasticcini. Cercate di usare quella leggera o quella "media" (solitamente, se non c'è un controllo a parte, la velocità della centrifuga è legata al tipo di ciclo di lavaggio, evitate se potete il ciclo a 90 gradi, serve solo per lavare le tute dei meccanici

Se dovete acquistare una nuova lavatrice non guardate solo il prezzo, leggete anche le caratteristiche tecniche. Quelle da ricercare sono le seguenti:
- possibilità di scegliere un minore o maggiore carico di acqua a seconda della quantità di roba da lavare (alcune macchine hanno un sensore che carica la giusta quantità di acqua a seconda del peso dei panni introdotti), questo dà la possibilità di risparmiare acqua e corrente elettrica;
- leggendo le caratteristiche tecniche cercate di notare se viene posta particolare attenzione agli aspetti di tipo ecologico: non è una fissa da ecologista fanatico, è la quasi certa garanzia che chi ha costruito quella macchina non vi farà spendere in costi energetici quello che non spendete nell'acquisto
- possibilità di effettuare diversi tipi di lavaggio: più sono i tipi di ciclo effettuabili e meno sarà l'energia a "butterete" lavando con un ciclo troppo lungo capi, sintetici, che potreste lavare in metà tempo.
Non trascurate inoltre:
- la facilità d'uso
- la facilità di pulizia del filtro: un filtro intasato dal calcare o da altri residui impedisce un corretto risciacquo dei capi da lavare
- il termostato regolabile
Ricordate di controllare la durata della garanzia della vostra nuova lavatrice, conservate lo scontrino d'acquisto fino a che la garanzia non sarà scaduta, per non perdere lo scontrino nei meandri della vostra casa inseritelo in un sacchettino di plastica e attaccatelo con dello scotch al retro della lavatrice stessa.


 

   SEGNALA LA PAGINA       STAMPA   

 
Calendario
Mese per mese
Lunaria
Rubriche


Italia
spazio
Realizzazione, Progetto grafico, Testi © Lunario.com 1998 - 2008 tutti i diritti riservati